Unione consumatori: per la benzina il 70,5% sono tasse

A fronte di un prezzo medio pari 1,388 euro al litro per la benzina, 0,979 euro, pari al 70,5% se vanno tra accise e Iva, mentre a fronte di un prezzo al litro di 1,263 euro per il gasolio, 0,845 euro, il 66,9%, se ne vanno in imposte


Secondo il presidente dell'Unione Petrolifera, il maggior costo alla pompa per gli automobilisti italiani rispetto all'Eurozona è interamente dovuto alla componente fiscale, con un maggior onere fiscale è ora pari a 11 centesimi euro/litro per la benzina e 14,6 centesimi per il gasolio.

"Al di là del confronto europeo, che ora lascia il tempo che trova, visto il crollo record della domanda registrato in Italia per via del lockdown, è assolutamente vero che in Italia si pagano troppe imposte sui carburanti" afferma Massimiliano Dona, presidente dell'Unione Nazionale Consumatori.

"Secondo i dati settimanali del ministero dello Sviluppo Economico pubblicati pochi minuti fa, a fronte di un prezzo medio pari 1,388 euro al litro per la benzina, 0,979 euro, pari al 70,5%, se vanno tra accise e Iva, mentre a fronte di un prezzo al litro di 1,263 euro per il gasolio, 0,845 euro, il 66,9%, se ne vanno in imposte. Una percentuale bulgara decisamente inaccettabile" conclude Dona.

Dati del 5 ottobre 2020:

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Mise