Sala meeting al completo al Museo Enzo Ferrari per la presentazione stampa de Il Galateo Social

MODENA, 28 GEN 2022 – Sala meeting al completo oggi al Museo Enzo Ferrari di Modena dove si è tenuta la presentazione stampa de Il Galateo Social, il primo libro di comunicazione che affronta i grandi temi imposti dal ripensamento degli stili di vita che stiamo affrontando da 3 anni a questa parte. L’autore Stefano Bergonzini, giornalista e massmediologo ha presentato i contenuti del libro, che sta diventando un piccolo caso editoriale di successo e a soli 18 giorni dalla pubblicazione è già presente su tutte le maggiori piattaforme: Amazon, IBS, Libreriauniversitaria, MondadoriStore, oltre che nelle migliori librerie d’Italia. Il Galateo Social tratta con ironia e leggerezza i principali argomenti dell’attualità Social che «presto entreranno nel main stream come la moneta complementare, il metaverso, la necessità di fare impresa mettendo al centro l’uomo e il territorio, il potere crescente dei consumatori consapevoli, i progetti per muoversi senza inquinare, ma anche il come vestirsi sexy per un evento o per una conference call Incalzato dalle domande di Veronique Blasi, poi dei numerosi e qualificati colleghi, Stefano Bergonzini ha spiegato che : «Tra la sede del mio Studio e il Museo Enzo Ferrari ci sono 250 metri. Per percorrerli e arrivare qui a raccontarvi del mio libro e della mia storia ci ho impiegato 25 anni. Il Galateo Social è un condensato di esperienze di vita, ogni riga è stata pensata, scritta e riscritta perché potesse rimanere, come Il Bon Ton di Lina Sotis, il Week End Postmoderno di Pier Vittorio Tondelli o il Cafonal di Roberto d’Agostino, libri di formazione che io consulto da anni e non butterò mai. Il Galateo Social è un manuale che non si può non avere in casa, da tirare fuori al momento opportuno, quando serve l’idea giusta per comunicare. Un grande giornalista e pensatore che ha letto il libro mi ha detto - è un libro tosto, rimarrà per 30 o 40 anni- non so se sia così. In ogni caso si tratta di una miniera di idee che si conclude con 100 proposte per utilizzare le risorse del Next Generation EU e cambiare in meglio l’Italia, che nessuno aveva ancora provato a scrivere». L’altro tema affrontato in conferenza stampa è stato l’uso corretto dei Social Network nella società di oggi. Qui Bergonzini ha risposto: «Quando Marc Zuckerberg il 4 febbraio del 2004 mise in rete la prima versione di The Facebook lo slogan di presentazione fu "rimani in contatto con le persone della tua vita". Facebook nacque per questo, per rimanere in contatto con i propri compagni di corso di laurea, che sono le persone della tua vita, con le quali hai condiviso tante fatiche e sulle quali potrai contare per il lavoro e lo svago. L’altro tema era il poter corteggiare le belle ragazze con il famoso "mi piace". Io credo che i Social Network abbiano avuto tanto successo proprio per questo. Restare in contatto e sapere di persone che non puoi frequentare in presenza. In tempi di pandemie continue questo è un fattore fondamentale, soprattutto per il lavoro. Quindi non litigate sui Social ma usateli in modo elegante e pensato per stare in contatto con le persone che contano nella vostra vita. Se qualcuno vi infastidisce, basta applicare la regola del grande regista francese Michel Gondry, “Se mi lasci ti cancello” ovvero ti blocco e ti faccio uscire dalla mia vita».

Pubblicato dalla CDM Edizioni di Certaldo (FI) a cura di Elisabetta Lubrani e con la prefazione di Paolo Gozzi, Il Galateo Social è arrivato in libreria sulla scia di "Come ho progettato il mio sogno", scritto da Adrian Newey, uno tra i più grandi tecnici della storia della F1 e delle competizioni.


fonte: Studio Bergonzini