Nasce Bologna Game Farm, acceleratore di videogiochi creati da giovani talenti emiliani

Bologna, 15 dicembre - Un nuovo progetto per supportare i migliori talenti nel mercato dei videogiochi dell'Emilia-Romagna. Ma anche un momento di analisi sul settore videoludico in Italia, uno degli ambiti di sviluppo economici più interessanti e con grandi potenzialità all'interno delle industrie creative. Si tratta di 'Bologna Game Farm', secondo acceleratore di videogames in Italia dopo quello appena lanciato a Roma di Cinecittà Game Hub, che nasce con l'obiettivo sia di favorire il rafforzamento delle capacità manageriali e imprenditoriali del settore in Emilia-Romagna, sia di incrementare la consapevolezza dell'importanza del comparto nell'economia regionale e sviluppare relazioni con l'ecosistema dell'innovazione, favorendo l'incrocio con altri settori.


L'appuntamento per la presentazione dei prototipi di videogames che parteciperanno al nuovo percorso, in avvio a gennaio 2022, è fissato per il 15 dicembre, alle ore 15, a Bologna presso l'Auditorium Enzo Biagi di Salaborsa (piazza del Nettuno 3).

Sono quattro le realtà dell'Emilia-Romagna selezionate che godranno di un contributo da 30mila ciascuna e avranno l'opportunità di partecipare al primo percorso pilota per mettere a punto il prodotto e sviluppare un'adeguata strategia di commercializzazione. Si tratta nel dettaglio di un videogioco in realtà virtuale in cui il giocatore prende il controllo di statue, disseminate nell'ambiente circostante, incrociandone lo sguardo; di un videogioco multiplayer in cui due squadre si sfidano in partite di pochi minuti con l'obiettivo di segnare più canestri possibile; di una piattaforma musicale ispirata all'iconografia dell'animazione anni '30, in cui il giocatore interpreta un pipistrello che si addentra in una città, combattendo e muovendosi a tempo di musica; di un videogioco in cui si scontrano auto fantastiche all'interno di arene, in un'ambientazione medieval-punk. Il progetto è promosso da Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna, coordinato da IncrediBOL! e Art-ER e realizzato in collaborazione con Iidea - Italian interactive & digital entertainment association con la partnership di Acer. Il percorso prevede la residenza in coworking alle Serre di Art-ER, e il l'affiancamento gestito da Iidea attraverso soci locali.


fonte: Labitalia