La riforma del Catasto: una bomba per gli affitti

L'appello dell'Avv. Annamaria Terenziani, presidente di Confedilizia Reggio Emilia, l'associazione che rappresenta i proprietari di immobili


Prima la Uil, ora la Cisl. Nel silenzio di altre organizzazioni, diamo atto a due Sindacati di lavoratori di aver evidenziato gli enormi rischi per i cittadini italiani della revisione del catasto, che il Governo ha deciso di inserire nella riforma fiscale contro il volere del Parlamento. Rinnoviamo il nostro appello alle forze politiche: si rispetti quanto stabilito il 30 giugno dalle Commissioni Finanze di Camera e Senato e si stralci l’articolo 7 dal disegno di legge approvato in Consiglio dei ministri. Il settore immobiliare – già piegato da una patrimoniale da 22 miliardi l’anno, l’Imu – non può sopportare neppure la prospettiva di aumenti futuri, che sta invece già provocando guasti su un mercato bisognoso di riprendersi. Si elimini alla radice il problema e si avvii il cammino della riforma fiscale in modo sereno e condiviso, disinnescando anche l’altro grande pericolo per il comparto, quello di un aumento della tassazione sugli affitti abitativi, che non potrebbe che creare ulteriori tensioni in un settore tuttora mortificato dal blocco degli sfratti”.