L’ascesa del gruppo Victoria Plc nel mondo ceramico: da Keradom ad Ascot

Andrea Bordignon, alla guida delle attività italiane: "Victoria ha investito decine di milioni di euro negli ultimi tre anni nelle proprie fabbriche, per migliorarne produttività e qualità"


Quattro anni fa, Victoria Plc non operava affatto nell'industria ceramica. Oggi, il Gruppo del flooring - quotato alla Borsa di Londra per una capitalizzazione di un miliardo e mezzo di euro - e il sesto maggior gruppo attivo nel settore ceramico al mondo, con stabilimenti sia in Italia sia in Spagna.

Una parte importante della sua rapida ascesa nel settore è provenuta da acquisizioni, cinque delle quali perfezionate in Italia - Ceramiche Serra, Ceramiche Ascot, Keradom, nonché, nei mesi recenti, Ceramiche Colli e Ceramiche Santa Maria. Peraltro, secondo quanto dichiarato da Andrea Bordignon, alla guida delle attività italiane di Victoria (con l'eccezione di Keradom, che opera indipendentemente), il Gruppo ha anche investito e sta investendo in modo significativo per sviluppare una crescita interna; "Victoria ha investito decine di milioni di euro negli ultimi tre anni nelle proprie fabbriche, per migliorarne produttività e qualità, nonché in immobili al fine di migliorare i servizi logistici. Una dimostrazione che ben esemplifica quanti benefici tali investimenti apportino, si trova nel fatto che Ceramiche Ascot, acquisita da Victoria nel marzo 2020, dopo anni di difficolta finanziarie e ora in un percorso di crescita e stabilmente profittevole, assicurando così lavoro ai propri dipendenti e garantendo un futuro al proprio business nel lungo periodo. II Gruppo ha ora più di 490 dipendenti nelle proprie attività italiane. La più recente acquisizione del Gruppo è stata quella della società statunitense Cali Bamboo, attiva nella distribuzione commerciale di prodotti del flooring, con sede in San Diego (California). La società ha un fatturato previsto per il 2021 di circa 220 milioni di dollari e, secondo quanto dichiarato da Andrea Bordignon, è in rapida crescita, grazie al proprio modello di business online: "benché Victoria esporti ceramiche negli Stati Uniti già da molti anni, questa è la sua prima acquisizione in quel Paese, inoltre è prevedibile un'ulteriore crescita" afferma infatti il Managing Director della divisione ceramica in Italia. Victoria dichiara che è altresì sua intenzione accrescere ulteriormente la propria presenza in Italia. L'amministratore Delegato del Gruppo, Philippe Hamers, afferma: "Abbiamo piani ben precisi per incrementare la nostra presenza in settore ceramico e stiamo attualmente esaminando diverse opportunità potenziali - alcune di esse in Italia. L'ltalia, con la Spagna, ci interessa in modo particolare poiché la qualità e lo stile delle ceramiche prodotte in Italia sono fra i migliori al mondo". Benché, in qualità di società quotata, Victoria sia sempre attenta agli aspetti finanziari del business, Hamers tiene particolarmente a sottolineare che il Gruppo è una realtà operativa industriale con attività in diversi paesi d'Europa, negli Stati Uniti, in Australia e in Gran Bretagna . "Victoria è una società industriale operante nel flooring, non un investitore finanziario", ribadisce, "ed è interessata allo sviluppo del settore nel lungo termine. Abbiamo verificato che il nostro approccio collaborativo ed amichevole è in armonia con le aspettative delle aziende familiari che affrontano fasi di successione e desiderano essere certe che la loro eredità sarà in mani sicure per il futuro".

In anni recenti l'industria ceramica sta attraversando una fase di consolidamento, nell'ambito della quale l'ultima grande operazione e stata l'acquisizione della divisione flooring del produttore ceramico spagnolo, Roca, da parte del produttore messicano Gruppo Lamosa. Tale acquisizione, del valore di 260 milioni di dollari, corrispondente, a quanto risulta, ad una valorizzazione con un multiplo di 6,75 volte l'EBITDA (MOL) degli ultimi dodici mesi, è stata annunciata recentemente nel mese di agosto, dopo quattro mesi di processo formale di negoziazione. Alla luce delle ambizioni disviluppo di Victoria illustrate, quest'ultima si pone come centro di riferimento per il futuro consolidamento.


Fonte: Ufficio stampa Victoria PLC Ceramics Italy