ISEE: l’INPS chiarisce alcuni punti chiave


Dal prossimo anno, le DSU avranno validità a partire dalla data di presentazione fino al 31 dicembre

Non mancano i dubbi e le perplessità legate alle leggi che cambiano e alle normative. Proprio per questo INPS intende fare chiarezza sull’ISEE (l’indicatore della Situazione Economica Equivalente): “L’Inps ricorda che le DSU finalizzate alla determinazione dell’ISEE presentate nel 2019 successivamente al 1° settembre, avranno validità dalla data di presentazione fino al 31 dicembre 2019” così l’istituto di previdenza nazionale in una nota diffusa alla stampa, l’ente presieduto da Tito Boeri ha inoltre precisato: “Per la loro elaborazione, saranno presi a riferimento i redditi percepiti nel 2017 e i patrimoni posseduti al 31 dicembre 2018. Questo per effetto delle modifiche introdotte dal d.l. 101 del 3 settembre 2019 al c.d. Decreto crescita (d.l. 30/4/2019, convertito dalla l. 58 del 28/6/2019), che a sua volta aveva modificato la disciplina del d.lgs. 147 del 15/9/2017. Dal prossimo anno, le DSU Dichiarazione Sostitutiva Unica) avranno validità a partire dalla data di presentazione fino al 31 dicembre, mentre i redditi percepiti e i patrimoni posseduti presi a riferimento saranno quelli di 2 anni prima. Per il 2020, quindi, i redditi e i patrimoni di riferimento saranno quelli del 2018”

Iscriviti alla nostra newsletter

  • White Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon

TgImprese® e il logo TgImprese® sono marchi registrati di proprietà di Tekapp s.r.l

N. Registrazione 0001608775 | Capitale sociale interamente versato 50.000€ | Numero REA: MO - 399678 | P.I 03573960360

Sito realizzato da Elior by Tekapp Srl