Ether per Challenger: i capi animati dall’arte raccontano storie di quotidianità dimenticata

I ricordi di un passato nemmeno troppo lontano, si intrecciano ad un futuro dai tratti sfocati


A cura di Sara Baroni


Le porte dei negozi sono aperte, ma il timore del contagio e la confusione mediatica del nuovo DPCM, hanno reso la presenza dei clienti il vago ricordo di una reminiscenza passata.

I momenti di chiacchiera spensierata, i sorrisi di accoglienza dei piccoli imprenditori, la pausa da una quotidianità frenetica per dedicarsi a sé stessi, tutti i piccoli gesti di premura di chi, fra le quattro mura di un negozio, è in grado di regalare calore umano a chiunque varchi la soglia.

Questi sono gli elementi che contraddistinguono gli acquisti in negozio, questi sono i piccoli e consueti gesti d’amore che il Covid rischia di far scomparire.

Se le porte sono chiuse, o paura e distanza limitano gli acquisti dal vivo, allora è l’arte ad entrare in gioco, per non far sentire soli questi eroi del quotidiano. L’idea, nata dall’associazione femminilista (il significato dato al termine è da chiedere a loro) Ether, è quella di dare vita ai capi presenti all’interno dello store, simulando quei piccoli gesti che spesso abbiamo sottovalutato: il calore di un saluto, la complicità di due chiacchiere davanti ad un caffè, condividere la lettura di un giornale, la solidarietà nel prendersi per mano nei momenti di difficoltà.

Challenger da sempre è luogo di incontro fra diverse realtà: artigianalità, eleganza sartoriale, sportività e comfort. Ecco perché mettere in risalto l’aspetto dell’incontro, unendolo a quei gesti che ora vengono a mancare, racchiude tanta malinconia ma al contempo speranza per un futuro che ci si augura possa essere il più imminente possibile.

Un invito, quindi, a ricordarsi che in un universo fatto di grandi catene e commercio elettronico, i piccoli commercianti non si sono dimenticati di noi, anzi, ci attendono con speranza, soprattutto in questo periodo prenatalizio. Il caldo sorriso di ciascun negoziante, velato dalla mascherina, trasmetterà comunque il loro immenso ringraziamento.





Link utili:


Pagina ufficiale Facebook: https://www.facebook.com/modachallenger/


Sito aziendale Challenger: https://modachallenger.it/


Autrice dell’articolo e delle immagini: www.sarabaroni.net