Cosa ne pensa Confimi Industria sullo stato di emergenza “Coronavirus”


Tutte le valutazioni, pareri e consigli utili da seguire provenienti da Confimi Industria sull’emergenza Covid19 per la salvaguardia del sistema produttivo


Trasmettiamo di seguito le osservazioni di Confimi Industria volte a fronteggiare la situazione di pericolo per la tutela della salute delle persone e per la salvaguardia del sistema produttivo. Nello specifico la Confederazione della manifattura italiana ritiene fondamentale:

– Istituire tavoli di consultazione permanente con  le forze sociali coinvolte. Siano essi Nazionali o Regionali, indicare canali privilegiati delle comunicazioni ufficiali  di determine, ordinanze e/o simili anche per tramite delle Associazioni;

– Indicare con precisione  i comportamenti da adottare per i dipendenti coinvolti e per i restanti lavoratori delle singole Aziende;

– La concessione di ammortizzatori sociali (CIGO o CIGS) non computabile dal calcolo normalmente richiesto per i lavoratori/aziende coinvolte, sia per territorio (Comuni coinvolti ed accertati) che per contagio. Nei fatti il periodo previsto di “astensione dal lavoro” deve essere neutro e non a carico delle Aziende e dei lavoratori;

– Evitare la consultazione Sindacale (prevista di norma in caso di Ammortizzatori) che allungherebbe i tempi, quindi procedere d’ufficio dopo ordinanza delle Autorità competenti (sindaco, governatore Prefetti ecc);

– Indicare con chiarezza  chi è coinvolto da tale sospensione e il relativo obbligo di sospendere i lavoratori che rientrano da zone a rischio ed evidenziare il divieto di mandarli in missione in quelle zone (per cui evitare contenziosi);

– Obbligo a evitare rapporti con soggetti territorialmente a rischio (per lo più fornitori – artigiani) e in quel caso favorire la Cig in deroga per le aziende artigiane coinvolte;

– Sospendere ogni onere imponibile di natura  fiscale-contributiva e previdenziale derivante dalla corretta applicazione delle norme ed indicazioni;

– Intervenire sul sistema creditizio e dei fornitori per bloccare la decorrenza dei pagamenti per il periodo di mancata attività;

– Incentivare l’utilizzo dei mezzi di protezione (mascherine/guanti ecc) intervenendo con operazioni di calmierazione/blocco dei prezzi, evitando speculazioni e facilitando ipotesi di sicurezza;

– Indicare come possibile  l’attivazione dello  smart working.

Iscriviti alla nostra newsletter

  • White Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon

TgImprese® e il logo TgImprese® sono marchi registrati di proprietà di Tekapp s.r.l

N. Registrazione 0001608775 | Capitale sociale interamente versato 50.000€ | Numero REA: MO - 399678 | P.I 03573960360

Sito realizzato da Elior by Tekapp Srl