Confedilizia: "La riforma del catasto? Serve per aumentare le tasse sugli immobili"

È lo stesso Ministero dell'Economia che lo ammette: è per aumentare le tasse sugli immobili. Spetta al Parlamento bloccare questa proposta


La "Analisi Tecnico-Normativa" del Ministero dell'economia, allegata alla delega per la riforma fiscale, esplicita lo scopo della revisione del catasto di cui all'articolo 6: aumentare le tasse sugli immobili. Confedilizia l’Associazione dei Proprietari di Casa che da sempre si batte contro le imposizioni patrimoniali, lo aveva pronosticato da subito. La favoletta che la revisione sarebbe servita per “fotografare lo stato del patrimonio immobiliare” o per “scovare gli immobili fantasma” non era infatti credibile. Dalla revisione delle rendite catastali derivano però aumenti di tutte le imposizioni legate a quel valore: Imu, Irpef, imposta di registro, imposta di successione.


Spetta ora al Parlamento bloccare questa proposta di riforma.

Le misure di cui il settore immobiliare ha urgente bisogno sono ben altre, in primis una riduzione dell’imposizione patrimoniale, triplicata dal 2012, e adeguati sgravi per gli affitti commerciali.