Castellarano capitale italiana del Tiro con l'Arco: a luglio attesi 500 atleti

Laura Delsante, una delle referenti della sezione arcieri della polisportiva Sportinsieme, racconta come stiano prendendo forma i piani organizzativi per valorizzare la città durante la manifestazione sportiva prevista per l’estate


a cura di Laura Saracino


Il prossimo luglio a Castellarano sono attesi oltre 500 arcieri, radunati da tutta Italia in occasione dei campionati nazionali di Tiro con l’Arco, un evento storico per tutta la comunità. Saranno ospitati dalla cittadina reggiana e dalla società sportiva Sportinsieme, un onore e un privilegio che spetta alla piccola sezione di tiro con l’arco XL Archery Team. Una mole di lavoro ingente che richiede l’accordo e la cooperazione di tutte le istituzioni e i settori della città: la polisportiva, la Pro Loco, l’amministrazione comunale, i commercianti, hanno iniziato la programmazione degli eventi e delle attività che accompagneranno le gare durante il fine settimana del 22, 23 e 24 luglio, per offrire ad atleti, spettatori e curiosi un’esperienza tipica.


“Siamo euforici per questo evento, e vogliamo dare il giusto risalto alla città” confida Laura Delsante, che racconta come già da qualche mese siano iniziati i progetti e le idee per scrivere al meglio la storia di questo sogno che si sta realizzando. Valorizzazione del territorio e delle sue bellezze sono i primi obbiettivi, per sfruttare al meglio l’opportunità turistica.


“Avere 500 atleti sui campi di gara durante l’arco dell’intero weekend significa avere forse il doppio o il triplo delle persone che nel fine settimana gireranno, visiteranno, assaggeranno Castellarano, facendo esperienza di ogni specialità” continua Laura “Stiamo pensando di organizzare qualche incontro ravvicinato con atleti, come i nostri arcieri azzurri tornati da Tokyo che comunque vedremo gareggiare qui, per preparare una cornice degna della manifestazione ma che possa entusiasmare tutti, a prescindere dal coinvolgimento in prima persona con la disciplina. In fondo, la storia della polisportiva è un po’ anche la storia di Castellarano”. La sezione arcieri è infatti vicina a festeggiare il 25esimo compleanno, ed ha accompagnato la città attraverso tappe fondamentali: la rinascita del parco diventato sede del campo di tiro e la trasformazione della Rocchetta, edificio storico Estense. Proprio per sottolineare il legame tra la disciplina e la città, il desiderio è di portare proprio all’interno del castelletto le finali della competizione, in diretta nazionale dal cortile della Rocchetta.


Ci sono grandi aspettative e tanta voglia di dimostrare l’affetto e la riconoscenza della città nei confronti del XL Archery Team, squadra che ha deciso non senza rammarico di fare un passo indietro e non gareggiare alla competizione di luglio ma di stare dietro le quinte, per assicurarsi che l’organizzazione si svolga nel migliore dei modi. Una scelta saggia dei padroni di casa, che hanno sempre partecipato numerosissimi alle rassegne competitive. Per questa volta, dovranno mandare a segno il colpo più importante: mostrare agli atleti in arrivo il legame tra Castellarano, la comunità cittadina e la polisportiva.