A questo punto gli industriali chiedono risposte concrete


Agnelli (Confimi Industria) al Presidente del Consiglio Conte: “Prima la salute, ma servono previsioni di riapertura per allineamento con mercati esteri”

”Lo abbiamo sostenuto per primi, la salute ha la precedenza, non c’è ma che te tenga. Le chiedo solo, presidente Conte, di poter fare delle previsioni perchè al contrario della politica noi industriali non possiamo giustificarci con i mercati internazionali con un “ancora non sappiamo”. E’ un messaggio di collaborazione quello lanciato da Paolo Agnelli presidente di Confimi Industria al premier Giuseppe Conte in occasione della videoconferenza convocata dal premier Conte con con le parti sociali, sulle misure di contenimento previste per le attività produttive. “L’incertezza inoltre riguarda anche le misure per la liquidità, ancora una volta legate ai criteri di merito delle banche” ha ricordato Agnelli “le piccole e medie imprese erano in affanno già prima del Covid-19 ora sono al collasso e non garantirgli liquidità già domani, vorrà dire lasciarne diverse chiuse per sempre”. Il presidente del Consiglio ha annunciato infatti un probabile prolungamento del lockdown almeno fino al 3 maggio con alcune probabili aperture regolate mediante codici Ateco.

Iscriviti alla nostra newsletter

  • White Facebook Icon
  • Bianco LinkedIn Icon

Sito realizzato da Elior by Tekapp Srl